Pabryoda

Molti mi chiedono cosa vuol dire Pabryoda, e perchè non ho scelto un nome più semplice.

Ho scelto questo nome o nick name nel 2000, nel momento in cui ho dovuto aprire la mia prima casella e-mail.

In realtà è semplicemente un nome composto da due parti 

Portfolio Grafica e Web

Il Blog di Pabryoda

Pensieri, avventure, tentativi e fallimenti, esperienze, letture, corsi, consigli che condivido mentre mi muovo per realizzare un sogno.

Artista o Grafico?

Artista o Grafico?

Come mi descrivo Artista o Grafico? Come viene visto nell'immaginario collettivo un Artista o Grafico? Ciao mi presento mi chiamo Pabryoda, sono ... Artista o Grafico? Questo è il dilemma che affronto quando mi presento a una persona che ho appena conosciuto. Quando...

leggi tutto
Il Lario MOon

Il Lario MOon

Il Lario MOon Perchè ho creato il Lario MOon? Da quando nel Febbraio del 2017 ho realizzato il primo disegno del Lario MOon e l'ho pubblicato su Instagram, sono successe parecchie cose, molti amici mi hanno fatto i complimenti e quando li incontro o li ho...

leggi tutto
Come creare ri-cominciare un Blog?

Come creare ri-cominciare un Blog?

Come creare/ri-cominciare un blog Ha senso creare un Blog? Perchè dovrei Farlo? A che scopo? Come creare/ri-cominciare un Blog, mi sembrava un titolo corretto per sottolineare che non è la prima volta che creo un blog e quindi eccomi a ri-cominciare per la...

leggi tutto

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 348 altri iscritti

Lario MOon

C’era una volta la Luna.

Era una luna diversa da quella che tutti noi conosciamo oggi, era una luna viva e che possedeva una sua anima. Quando ammiravi la luna piena lassù nel cielo ti accorgevi che gioiva mentre guardava le meraviglie del pianeta azzurro intorno a cui ruotava.

C’erano grossi specchi d’acqua in cui lei si rifletteva, e si era innamorata di un lago incastonato in mezzo ad alte montagne. Vedeva da lontano quel piccolo fiore con tre petali, e desiderava portarlo a sé come succedeva con i mari… ma questo non accadeva, nonostante tutti i suoi sforzi.

La luna in quel lontano passato ben sapeva che il suo tempo stava per finire, sentiva che il suo cuore si stava spegnendo. Quando vide un’ultima volta il piccolo lago da lei amato pianse.

Una lacrima di luna, le fu strappata dalla forza dell’astro azzurro e quella lacrima percorse le migliaia di chilometri di spazio che li separava. Giunta nell’atmosfera la lacrima consumò tutta l’acqua di cui era circondata, ma il suo nucleo duro come un diamante continuò il viaggio. Ormai ridotto a una forma ovale precipitò a folle velocità in quello specchio d’acqua.

Fu in quel lago, ai giorni nostri conosciuto come triangolo lariano, che in

quel lontano passato piombò a tutta velocità portando con sé una meraviglia. L’impatto scosse le acque, immense onde si levarono verso il cielo tanta era la sua velocità e potenza. Finì per urtare il fondo provocando una profonda spaccatura e scavando la terra per più di 300 metri. L’urto con il suolo infranse quello che era il suo guscio protettivo, dal quale uscì un piccolo uovo. Il fondale lacustre buio lo cullò, proprio come lo spazio, laggiù in quelle fredde acque nacque il figlio della luna.

La luna del Lario ha grandi occhi per scrutare le profonde acque scure, un immenso corpo che teme il sole che ferisce la sua pelle. Il Lario MOon si nasconde nell’anfratto più oscuro, in attesa che spunti nel buio la fredda luce lunare tanto amata. In quelle notti in cui la luna ormai senz’anima risplende più del solito, il Lario Moon la guarda brillare lassù in quello spazio di cielo incorniciato dalle alte vette che circondano il lago di Como.

L’enorme Lario MOon allora esce dall’abisso per salutare la sua silenziosa madre luna, in un balzo sempre più alto, nella speranza di raggiungerla e darle il suo bacio di cucciolo.

The Art of Pabryoda

Quando frequentavo la seconda media a Legnano, ricordo un pomeriggio magico, io e mia sorella eravamo andati a casa di una ragazza che frequentava il liceo artistico, lei doveva tenerci d’occhio e farci fare i compiti, mentre a sua volta faceva i suoi compiti.

Rimasi affascinato mentre la osservavo mescolare con l’acqua della tempera azzurra in un barattolo di vetro, cercava la giusta consistenza e diluizione per fare al meglio la stesura a pennello, per me era pura magia e alchimia.

In quell’istante avevo deciso che avrei voluto diventare un’artista. Gli studi però mi hanno dato “un pezzo di carta” come Disegnatore Grafico. Negli anni ho fatto diversi lavori artistici, ma solo da poco ho preso coscienza di volermi definire un’Artista.

The Art of Pabryoda  raccoglie le mie opere artistiche.

Pin It on Pinterest

Share This